domenica 30 gennaio 2011

Carnevale della fisica in tvSpace




Fonte immagine: http://www.poliziapenitenziaria.net/public/foto_articoli/sicilia.jpg



L'ultimo Carnevale della fisica pubblicato su tvSpace dall'amico giornalista scientifico Aldo Gagliano parla per il 25% in siciliano, sono infatti tre contributi su dodici che provengono dalla soleggiata Sicilia.
Palermo, Catania e Messina sono presenti a questo importante evento culturale.
Per visionare tutti i contributi del Carnevale si riporta di seguito il link:

http://www.tvspace.it/portal/ed-ecco-a-voi-il-carnevale-della-fisica-di-gennaio-2011.html



Wikio

sabato 29 gennaio 2011

Cambiano i visitatori di Dieci alla meno nove

Da tre mesi a questa parte sono radicalmente cambiati i contati esterni di Dieci alla meno nove, passando da un 75% di visite giornaliere da parte di bloggers scientifici a solo il 20% degli stessi al mese di dicembre 2010.
Di contro sono notevolmente incrementati i contatti con siti istituzionali quali Università, laboratori e consorzi di ricerca scientifica, che a gennaio 2011 rappresentano 80% delle visite al blog.
Tutto ciò ha comportato una regressione nei punteggi delle classifiche dei blog quali Blogbabel e Wikio, per mancanza di scambio di link, ma con grande piacere della redazione si è notevolmente incrementato il numero di visite giornaliere. provenienti soprattutto da siti di rinomata qualità scientifica.
Ringraziando per la fiducia accordata, il blog continuerà la sua avventura divulgativa sia nelle nanotecnologie che nel blogging.
Da notare inoltre l'incremento costante del numero di adesioni alla pagina FB "Classifica scienza di Wikio" collegata direttamente al blog, dove ogni mese viene proposta e commentata la classifica dei migliori blog scientifici italiani.



Wikio

Si studiano transistor a nanotubi di carbonio




Fonte immagine: http://dsp.panaghia.it/wp-content/uploads/2010/09/nanotubi.jpg



Il nanotubo a singola parete è un materiale molto resistente alla trazione ed avente interessanti proprietà elettriche, infatti, a seconda del suo diametro o della sua chiralità (cioè il modo con cui i legami carbonio-carbonio si susseguono lungo la circonferenza del tubo) può essere o un conduttore di corrente, come un metallo, o un semiconduttore, come il silicio presente nei microchip.
Per quanto detto si aprono le porte alla ricerca di nuovi metodi di costruzione nel campo dell'elettronica, realizzando chip sempre più piccoli in dimensioni e veloci in prestazioni.
Prima fra tutte la Toshiba ha annunciato di aver fatto un grande passo in avanti nello sviluppo dei transistor a nanotubi, proponendo strutture di transistor 3D con processo produttivo a 16 nanometri ed inferiore, che riducono la resistenza parassita e migliorano il valore di corrente di circa il 75%.
Da considerare che per l'utilizzo dei nanotubi di carbonio in sostituzione del silicio è comunque obbligatoria la ricerca anche nell'architettura dei circuiti integrati che andrebbe modificata per trarre il massimo da questo cambiamento.




Wikio

venerdì 28 gennaio 2011

Due definizioni di nanotecnologia




Fonte immagine: http://www.mindfully.org/Technology/2004/Nanotech-Big-Unknowns1feb04b.GIF



Si riportano due definizioni di nanotecnologia.

La prima data nel 2004 dal Royal Society & The Royal Academy of Engineering (UK):

"Nanoscience is the study of phenomena and manipulation of materials at atomic, molecular and macromolecular scales, where properties differ significantly from those at a larger scale” e “Nanotechnology is the design, characterisation, production and application of structures, devices and systems by controlling shape and size at nanometre scale".



La seconda proposta nel 2000 nell’ambito della National Nanotechnology Initiative (NNI) USA:


Nanotechnology is the understanding and control of matter at dimensions of roughly 1 to 100 nanometres, where unique phenomena enable novel applications... At this level, the physical, chemical, and biological properties of materials differ in fundamental and valuable ways from the properties of individual atoms and molecules or bulk matter”.



Wikio

giovedì 27 gennaio 2011

Premio Green Scuola




Fonte immagine: http://www.incaweb.org/green/images/olypmpics.png


Al via la sesta edizione (a.s. 2010-2011) del Premio Green Scuola intitolata "Quando la chimica diventa amica dell'ambiente. Presente e futuro dei prodotti chimici puliti". Il concorso è organizzato dal Consorzio Interuniversitario Nazionale "La Chimica per l'Ambiente" (INCA), in collaborazione con il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca – Dipartimento Istruzione, D.G. per gli Ordinamenti Scolastici e per l’Autonomia Scolastica, con il periodico di divulgazione scientifica “Green. La Scienza al Servizio dell’Uomo e dell’Ambiente” e con la partecipazione della SCI, la Società Chimica Italiana.
La scadenza per l'invio degli elaborati è il 31 maggio 2011.
Per conoscere più in dettaglio il bando del concorso cliccare di seguito:

http://incaweb.org/green/pgsVIed/index.htm


Wikio

mercoledì 26 gennaio 2011

Tra pochi giorni la nuova classifica scienza di Wikio



Fonte immagine: http://gianlucacravera.files.wordpress.com/2010/07/wikio.png


Primi passi per la nuova classifica scienza di Wikio, che sarà pubblicata entro il 5 febbraio prossimo.
Ricordo che a gennaio il primo posto è stato conquistato da Oggi Scienza, che ha dimostrato grandi capacità comunicative nell'esporre interessanti contenuti scientifici, molto apprezzati dall'utenza on line.
I molti Carnevali scientifici del mese di gennaio, quali quelli della matematica, della fisica e della chimica, grazie alla logica dei link scambiati, potrebbero cambiare qualcosa nelle prime venti posizioni della classifica.
Tra poco più di una settimana vedremo il nuovo posizionamento dei migliori blog scientifici italiani.


Wikio

lunedì 24 gennaio 2011

Primo Carnevale della chimica




Fonte immagine: http://gifh.files.wordpress.com/2010/12/carnevale-chimica-logo.png




E' stato pubblicato il Primo Carnevale della chimica, che si può leggere al seguente link:

http://www.chimicare.org/

Si riportano fedelmente le parole dell'organizzatore dell'evento di divulgazione scientifica Franco Rosso, in merito al contributo di Dieci alla meno nove:
"Non di materie prime tecnologicamente rilevanti quanto piuttosto di un loro possibile impiego divenuto sempre di maggiore attualità è il post di Aldo Ficara che sul blog Dieci alla meno nove affronta la descrizione delle “Celle a combustibile”, con tanto di video esemplificativo, evidenziando come alla base del funzionamento di questa forma di generatore elettrico vi sia un fenomeno per molti aspetti “inverso” rispetto a quello, maggiormente conosciuto fin dai tempi della scuola, dell’elettrolisi dell’acqua."



Wikio

domenica 23 gennaio 2011

E' auspicabile inserire il nanotech nel progetto eTwinning




Fonte immagine: http://www.skoool.ie/skoool/uploadedImages/eTwinningLogoFlat.gif



eTwinning, ovvero il gemellaggio elettronico, può essere descritto come una collaborazione a breve o lungo termine tra due o più scuole dei Paesi dell’Unione Europea aderenti all'azione, le quali realizzano un progetto comune mediante l'uso delle Tecnologie dell'Informazione e della Comunicazione (TIC) (internet, posta elettronica, videoconferenze ecc.). Come illustrato nella Relazione della Commissione Europea al Consiglio sull’uso di Internet per lo sviluppo di gemellaggi fra istituti secondari europei, i gemellaggi “possono riguardare semplici scambi di informazioni o di documentazione, la realizzazione di progetti di scoperta o di ricerca o, in una forma più elaborata, divenire parte integrante del sistema pedagogico”.
eTwinning è nato come linea d’azione del Programma pluriennale (2004-2006) europeo eLearning, mirante all’integrazione delle Tecnologie dell’Informazione e della Comunicazione (TIC) nei sistemi di istruzione e formazione in Europa. Dal 2007, etwinning è parte del Programma per l'apprendimento permanente (Lifelong Learning Programme 2007-2013), come azione speciale di Comenius.

Possono partecipare a etwinning gli istituti scolastici di ogni ordine e grado, dalla pre-primaria al livello secondario superiore; le scuole private parificate e in genere tutti gli Istituti in possesso di codice meccanografico rilasciato dal Ministero della Pubblica Istruzione.

E' auspicabile inserire in queti gemelaggi elettronici, progetti sul nanotech, per ottimizzare la diffusione didattica di quest'ultima frontiera tecnologica.

sabato 22 gennaio 2011

Domani l'esordio del Carnevale della chimica




Fonte immagine: http://im.wk.io/images/w/16cf1/chimicare.jpg




Il 2011 sarà l'Anno Internazionale della Chimica, lo ha proclamato l'ONU affidando la responsabilità dell’evento all’UNESCO, l'Organizzazione delle Nazioni Unite per l'Educazione, la Scienza e la Cultura, e a IUPAC, l'Unione Internazionale della Chimica Pura ed Applicata.

In relazione a questo fatto, per promuovere la comprensione della chimica attraverso la Rete, il blog Chimicare, chiamando a partecipare tutti i blogger divulgatori di scienza, domani 23 gennaio 2011 lancia l’iniziativa del Carnevale della Chimica.

Si ricorda che a questo carnevale parteciperà con un suo contributo il nostro blog " Dieci alla meno nove".






Wikio

venerdì 21 gennaio 2011

Festival delle Scienze 2011

Dal 20 al 23 gennaio 2011, si svolge a Roma, negli spazi dell'Auditorium Parco della Musica, l'appuntamento con il Festival delle Scienze. L'edizione del festival 2011 affronterà il tema della Fine del mondo, infatti il titolo della rassegna sarà: "La Fine del Mondo. Istruzioni per l'uso". Questo incontro scientifico riunirà i grandi nomi della ricerca scientifica italiana e internazionale ma anche letterati, filosofi e storici della scienza. Tra i protagonisti della passata edizione i miei amici di Facebook, Riccardo Luna, direttore di Wired Italia, e Paolo Ferri docente all'Università Bicocca di Milano.
Si riporta di seguito un interessante video del festival del 2010:







Wikio

giovedì 20 gennaio 2011

Stare comodi a scuola aiuta l’apprendimento




Fonte immagine: http://www.baby-flash.com/immagini2/edu2-0.GIF



Nuovo articolo, di chi scrive, pubblicato dalla sempre più importante rivista on line, sul mondo della scuola, Education2.0 della RCS libri.
E' possibile leggere il contributo al seguente link:

http://www.educationduepuntozero.it/organizzazione-della-scuola/stare-comodi-scuola-aiuta-l-apprendimento-3085446089.shtml



Wikio

mercoledì 19 gennaio 2011

Nanoweek Toscana

Il Prof Paolo Manzelli sta muovendo i primi passi per organizzare un importante convegno sul nanotech da tenersi nella sede dell'ASEV di Empoli, dal titolo NanoWeek in Toscana: "Promozione dello scouting d'impresa : i giovani protagonisti dell'innovazione, nell'impresa e del lavoro".

La NanoWeek -Toscana, verrà co-organizzata tra fine Febbraio e i primi Marzo, come un breve ciclo formativo sulla base di 3 conferenze dibattito di 2 ore ciascuna (preferibilmente pomeridiane dalle 17.00 alle 19.00 c/o ASEV- Empoli) da: ASEV, Tinnova, Egocreanet/LREe sara’ gestito dal gruppo di esperti sulle Nanotech, coordinati per il ciclo di conferenze da Paolo Manzelli.
Le conferenze saranno svolte al fine di far conoscere, stimolare e diffondere le nano-tecnologie, per fornire le indispensabili cognizioni in materia di innovazione, cultura d'impresa e futuro del lavoro dei giovani.

Nano-Week Toscana sarà un evento rivolto a:
imprenditori dirigenti PA , studenti e docenti delle scuole ,studenti e ricercatori della universita' , cittadini
Le finalità di NanoWeek -Toscana sono:

1)favorire il protagonismo dei giovani per far capire il futuro della ricerca Nanotech. per innovare impresa e ricerca, nel quadro delle prospettive di cambiamento della organizzazione Regionale e degli assetti produttivi in poli tecnologici
;
2) reperire e successivamente selezionare giovani disponibili a collaborare allo scouting di promozione e disseminazione delle applicazioni Nanotech per la innovazione dell'impresa.

Il Calendario delle conferenze/dibattito vedrà come tematiche:

1)Le nanotecnologie: cenni storici, stato dell’arte e prospettive future (tavola rotonda con alcuni esperti da tenersi in collaborazione con le Scuole Medie Superiori);
2) Le nanotecnologie nella Impresa in Toscana
(Incontro con la Colorobbia (http://www.cericol.com/Ricerca.asp) ed altri imprenditori);
3) Le nanotecnologie e i programmi di sviluppo e della promozione nel settore della innovazione e del cambiamento degli assetti produttivi dei poli tecnologici nella Regione Toscana
(tavola rotonda con la partecipazione di Dirigenti della RT) .

La redazione di Dieci alla meno nove seguirà con molta attenzione l'evolversi di questa meritevole attività progettuale.



Wikio

martedì 18 gennaio 2011

Nel 2006 il governo italiano non attivò l’ iniziativa Nazionale per le Nanotecnologie.

PROPOSTA PER UNA
INIZIATIVA NAZIONALE PER LE NANOTECNOLOGIE

Le nanotecnologie rientrano negli obiettivi di sviluppo di tutti i maggiori Paesi
industrializzati. Le spese per l’attività di R&S in questo campo hanno superato nel
2005 i 9 miliardi di $ suddivisi in parti sostanzialmente uguali tra pubblici e privati.
Per rendere più efficace il loro impegno, molti Paesi hanno attivato programmi
specifici pluriennali per lo sviluppo delle nanotecnologie.
Una delle iniziative più importanti è la National Nanotechnology Iniziative (NNI),
avviata nel 2001 negli USA con ingenti fondi federali. Il budget 2006 di 1,3 miliardi di $ ed analoga cifra è prevista per il 2007.
Iniziative simili sono attive in Paesi come Cina (dal 2001, quinquennale), Corea del
Sud (decennale, dal 2001), Taiwan (su 6 anni, dal 2005 ), Israele dal 2001, in
Irlanda. In altri Paesi quali Giappone, Germania, Francia, UK, Olanda sono state
create agenzie nazionali ad hoc, spesso con la partecipazione di privati, con le
necessarie risorse tecniche ed economiche.
Si valuta il mercato mondiale attuale dei prodotti realizzati con le nanotecnologie a
32 miliardi di dollari, che dovrebbero diventare 1000 miliardi nel 2015.
Le imprese attive nel settore sono già 1.600 nel mondo; i prodotti sul mercato sono
già più di 200 nei settori dei cosmetici, degli articoli sportivi, dell’abbigliamento, dell’elettronica, dei rivestimenti superficiali, dell’edilizia.
In Italia le nanotecnologie sono una delle priorità dell’ultimo PNR ma non sono
indicati obiettivi precisi né dedicati fondi ad hoc. Il “Secondo Censimento italiano
delle nanotecnologie”, realizzato da AIRI/Nanotec IT, ha evidenziato che l’impegno in
questo campo è piuttosto intenso: vi sono infatti molti gruppi di ricerca impegnati
nelle nanotecnologie, in parte di dimensioni ridotte, negli istituti universitari e negli Enti di ricerca, l’attività dei quali pero’ risulta talvolta frammentaria e non inserita in un disegno organico nazionale. Accanto a questi vi è anche una significativa attività in campo industriale che coinvolge sia grandi che piccole e medie imprese, di cui alcune all’avanguardia nel loro settore.
Sulla base di quanto sopra, nel corso del Convegno, organizzato da AIRI/Nanotec IT
e tenutosi a Roma il 3 luglio 2006, “Governare le nanotecnologie in Italia”, su
proposta degli organizzatori è stata discussa e approvato la messa in cantiere di una
“Iniziativa Nazionale per le Nanotecnologie” –INN.
Per ottimizzare e rendere più efficaci queste attività nel Paese sembra infatti
opportuno – e forse indispensabile - attivare anche in Italia tale Iniziativa Nazionale per le Nanotecnologie, che coinvolgendo ricerca pubblica e imprese, consenta di mobilizzare, traguardando sul lungo termine, risorse economiche adeguate, di razionalizzare l’uso di queste risorse, di orientare l’attività verso obiettivi prioritari condivisi.
Una Iniziativa Nazionale avrebbe anche il vantaggio di favorire lo sviluppo
responsabile delle nanotecnologie, che tenga nel dovuto conto le problematiche di
sicurezza per l’uomo e per l’ambiente, che è la condizione essenziale affinché le loro grandi potenzialità possano realizzarsi appieno.
Il punto di partenza è, quindi, quello di individuare i settori industriali prioritari (per i quali cioè tali tecnologie sono o saranno un fattore determinante di competizione e sviluppo sotto il profilo di mercato e occupazione), di definire la più idonea strategia e organizzazione dell’impegno del Paese, la sua programmazione e finanziamento, nonché le direttrici e le potenzialità di ricerca, sviluppo e trasferimento tecnologico in tale settore.
Gli elementi raccolti potranno, inoltre, fornire indicazioni ed indirizzi utili per
l’internazionalizzazione delle attività di ricerca e sviluppo tecnologico nel settore, quali la partecipazione ad EUREKA, ai Programmi Strutturali e ai PQ dell’UE.
Una possibile metodologia potrebbe prevedere che gli elementi suddetti siano definiti
(entro 6-8 mesi) da un Comitato del quale facciano parte rappresentanti di tutti gli
attori delle nanotecnologie in Italia, coadiuvato da Gruppi di Lavoro specialistici per tecnologia/applicazioni, che coinvolgano anche gli utenti - attuali e futuri - delle nanotecnologie.
Sulla base di quanto sopra i sottoscritti chiedono che siano avviate al più
presto le procedure per mettere a punto la Iniziativa Nazionale per le
Nanotecnologie e si dichiarano disponibili a partecipare a questa attività
programmatica.

Seguono le firme:

per AIRI- Renato Ugo, Presidente
CRFiat e Elasis- Nevio Di Giusto, Amministratore Delegato
Centro Sviluppo Materiali- Roberto Bruno, Amministratore Delegato
EniTecnologie- Ugo Romano, Presidente e Amministratore Delegato
INSTM- Dante Gatteschi, Direttore
Istituto Superiore di Sanità- Enrico Garaci, Presidente
ISPESL- Antonio Moccaldi, Presidente
Pirelli Labs- Giorgio Grasso, Amministratore Delegato
UNI- Paolo Scolari, Presidente



Wikio

lunedì 17 gennaio 2011

Il campo magnetico del solenoide

Un solenoide come la bobina visibile in questa rappresentazione ha un comportamento simile ad un filo conduttore, ma essendo avvolto su se stesso genera un campo magnetico in movimento anch'esso circolare e costante simile alla figura geometrica del toro.





Wikio

domenica 16 gennaio 2011

"Dieci alla meno nove" al primo Carnevale della Chimica




Fonte immagine: http://www.chimicare.org/blog/wp-content/uploads/2010/11/logo3-300x300.jpg




In occasione dell’anno 2011 decretato dall’ONU “Anno Internazionale della Chimica” il blog Chimicare (www.chimicare.org) lancia l’iniziativa del Carnevale della Chimica, ispirata al modello anglosassone dei Carnival of Science, nati per promuovere la comprensione della chimica rivolgendosi al grande pubblico.
In questo contesto è possibile parlare di argomenti scientifici, tecnologici, storici, letterari, artistici, applicativi, didattici che abbiano come contenuto la chimica in tutte le sue branche e segmenti, degli aspetti chimici inerenti aree tematiche differenti, ed infine dei rapporti fra la chimica e le altre discipline scientifiche.
Il blog "Dieci alla meno nove" ha già inviato un suo articolo sulle celle a combustibile, cercando di contribuire fattivamente ad una iniziativa che ritiene culturalmente lodevole.



Wikio

sabato 15 gennaio 2011

La collana Scuola 2.0 di Scienza Express Edizioni




Fonte immagine: http://1.bp.blogspot.com/_m0w1jebh02s/TMcMIZiuHzI/AAAAAAAACAo/eIfyW3sjBiQ/s1600/Logo.jpg




Scuola 2.0 è una collana di libri che parla particolarmente al mondo della scuola e più in generale degli educatori alla scienza.

I responsabili di Scienza Express Edizioni affermano " viviamo in un'epoca nella quale l'apprendimento si sta ridefinendo e coltiviamo l'ambizione di contribuire positivamente a questo processo, almeno per quanto riguarda le scienze."

I libri della collana sono:

1.Attori del sapere
2.Verso l'infinito ma con calma
3.Giochi cooperativi matematici
4.La prima guida all’animazione scientifica
5.La scienza per la scuola dell’infanzia
6.Peloché e i racconti della luce
7.Chimica: leggere e scrivere il libro della natura




Wikio

Coca Cola e Red Bull si fanno rotore

Il motore asincrono è un tipo di motore elettrico in corrente alternata in cui la velocità di rotazione dell'albero è minore della velocità di rotazione del campo magnetico rotante generato dagli avvolgimenti di statore, ovvero non c'è sincronismo tra le due velocità.
La rotazione del campo magnetico di statore avviene ad una velocità fissa ns legata alla frequenza di alimentazione, detta velocità di sincronismo. La velocità di rotazione del rotore nr sarà sempre minore di quella di sincronismo. Questa differenza fa sì che sul rotore agisca un campo magnetico che ruota ad una velocità ns − nr, pertanto esso sarà sede di forze elettromotrici e quindi correnti indotte (per questo motivo si parla di motore ad induzione).





Wikio

venerdì 14 gennaio 2011

Manca una strategia per il nanotech italiano

L'ing. Guido Frigessi evidenzia una mancanza di strategia unitaria del nanotech italiano, tutto questo in occasione della presentazione del libro AIRI "Le innovazioni del prossimo futuro: tecnologie prioritarie per l'industria" che si è svolta l'11 febbraio 2010, presso l'Area della Ricerca di Bologna. L'evento è stato organizzato da ASTER ed AIRI.

http://first.aster.it/doc10/eventi/AIRI_BOLOGNA_11%20FEBBRAIO.pdf







Fonte video: You tube ( ASTERVideo )




Wikio

giovedì 13 gennaio 2011

Senza i motori asincroni trifase saremmo persi

Il Motore Asincrono Trifase ( M.A.T. ) ha l'utilissimo compito di convertire l’energia elettrica in energia meccanica. Attulmente circa il 70% dei motori elettrici in esercizio sono M.A.T. ed insieme al trasformatore, sono stati determinanti in ogni possibile applicazione elettrotecnica, sostituendo quasi tutti gli altri mezzi di produzione o trasmissione di forza motrice, sia in ambito industriale che in quello domestico.





Fonte video: You tube ( doppiab1 )



Wikio

mercoledì 12 gennaio 2011

L'informazione scientifica degli anni 70

Negli anni 70 andava in onda in Rai una trasmissione, condotta brillantemente da Mino Damato, che si chiamava Avventura, ed era un format televisivo dedicato ai documentari sulla natura o alle esplorazioni in luoghi impervi e sconosciuti.
La sigla di apertura era cantata da Joe Cocker, una cover di She came in Through the bathroom window dei Beatles, e la sigla di chiusura era A Salty Dog dei Procol Harum.

Sigla di apertura:



Sigla di chiusura:






Wikio

martedì 11 gennaio 2011

Esempio di campo magnetico rotante

A completamento del post " Il campo magnetico rotante " si propone un video su You tube per evidenziarne l'effetto su un disco di rame.




Fonte video: You tube ( cristallo666 )


Wikio

lunedì 10 gennaio 2011

Il 2010 di "Dieci alla meno nove"

Il 2010 di Dieci alla meno nove si è concluso con la pubblicazione di ben 390 post contro i soli 31 dell'anno precedente, inoltre sono state sottoscritte importanti collaborazioni con Veneto Nanotech, Business Wire è Wikio.
Alcuni articoli riguardanti il nanotech ed il blogging sono stati pubblicati nella rivista Blogmagazine, mentre altri contributi sul mondo scolastico sono stati pubblicati in Education 2.0, rivista on line della RCS Libri Education.
Per il 2011 continueranno le collaborazioni del 2010, concentrando l'attività del blog su contributi didattici riguardanti l'innovazione tecnologica e la nanotecnologia.
Importanti le 2 pagine di Facebook collegate al blog, " Classifica scienza di Wikio" e "Amici delle nanotecnologie".


Wikio

domenica 9 gennaio 2011

Il campo magnetico rotante




Fonte immagine: http://www.barrascarpetta.org/01_ele/m_5/img_m5/i_m5_u01/H_rot.gif


Nell'autunno del 1885 Galileo Ferraris, fisico e ingegnere piemontese (1847-1897), e primo presidente dell'Associazione Elettrotecnica Italiana, dimostrò pubblicamente che, disponendo due bobine perpendicolarmente tra loro e facendole percorrere da due correnti in quadratura, ovvero sfasate di 90 gradi, si generava, nello spazio compreso tra esse, un campo magnetico rotante.
Gli studi di Galileo Ferraris, che comprendevano, tra le altre cose, la descrizione di un piccolo motore asincrono furono pubblicati nell'aprile del 1888 sulla rivista "Il Nuovo Cimento".
Il 1° maggio dello stesso anno Tesla brevettava un motore quasi identico, prendendosi notorietà e denaro.
A seguito dell'introduzione del sistema trifase di distribuzione dell'energia elettrica e grazie appunto alla scoperta del campo magnetico rotante, si diffuse rapidamente l'uso del motore asincrono o motore a induzione.
Anche ai giorni nostri si tratta della macchina elettrica rotante maggiormente diffusa nel mondo.
Il campo magnetico rotante è un campo magnetico avente intensità costante e direzione che ruota attorno ad un asse con velocità angolare costante ω, può essere prodotto facendo ruotare con velocità angolare costante un magnete permanente
o un solenoide percorso da corrente costante.
Inoltre è possibile generare un campo magnetico rotante anche mediante un insieme di avvolgimenti fissi, come già detto questi avvolgimenti devono essere disposti in modo opportuno e percorsi da correnti sinusoidali opportunamente sfasate tra loro.



Wikio

sabato 8 gennaio 2011

Le scelte future di Fiat

Enrico Cisnetto parla di Fiat e delle sue future scelte di politica industriale, che potrebbero condizionare, in modo decisivo, anche il complessivo sviluppo tecnologico del nostro Paese.
Si ricorda che il Centro ricerche Fiat, come abbiamo già descritto in altri post, si occupa, tra i tanti progetti di innovazione scientifica, anche di nanotecnologie.





Fonte video: you tube ( EnricoCisnetto )



Wikio

venerdì 7 gennaio 2011

Classifica scienza di Wikio in FB




Classifica scienza di Wikio è una pagina di Facebook organizzata per condividere mensilmente la classifica, evidenziandone i siti più in vista.
Ad oggi hanno aderito all'iniziativa 200 persone.
Si coglie l'occasione di questo post per ricordare che ogni osservazione sulla classifica può essere innoltrata allo srivente al seguente indirizzo web:

dieciallamenonove@virgilio.it



Wikio

giovedì 6 gennaio 2011

Progetto Conto energia



Fonte immagine: http://www.scienzeinfiore.it/images/testatasif2009.jpg


Si vuole riproporre un progetto presentato in Scienzeinfiore nel 2008 riguardante il conto energia.
Ricordando che Scienzeinfiore è un concorso per gli studenti delle scuole di ogni ordine e grado che raccoglie e premia ricerche, esperienze, lavori dedicati a temi tecno-scientifici e naturalistico-ambientali, si inserisce il seguente link riguardante il progetto:

http://www.scienzeinfiore.it/detail_schede.php?recordID=110

Una volta entrati nella pagina del progetto cliccare in basso su materiali"powerpoint" .




Wikio

mercoledì 5 gennaio 2011

Oggi Scienza: primo nella classifica scienza di Wikio




Fonte immagine: http://im.wk.io/images/w/188b7/oggi-scienza.jpg



OggiScienza, prodotto da Sissa Medialab, è un magazine dedicato alla ricerca scientifica italiana e internazionale fotografata giorno per giorno nel suo divenire.
Sissa Medialab è una società spin-off della Scuola Internazionale Superiore di Studi Avanzati di Trieste. Fa comunicazione della scienza con media diversi e verso pubblici diversi, avvalendosi di una rete di centinaia di scienziati, in Italia e all’estero. Si rivolge sia al grande pubblico, dai bambini piccoli agli adulti, sia alla comunità scientifica.
Attraverso news, interviste, articoli OggiScienza presenta la ricerca scientifica contemporanea, nei suoi aspetti più di punta. Per far capire cos’è il mestiere di scienziato e come si produce il sapere scientifico, OggiScienza dà spazio alle migliaia di ricercatori che lavorano nei laboratori e nelle istituzioni di tutto il mondo e che sono i veri protagonisti della ricerca.
Si riporta l'intera redazione del magazine:

Simona Cerrato (vicedirettore)
Daniela Cipolloni (vicedirettore)
Sylvie Coyaud (vicedirettore)
Valentina Murelli (vicedirettore)
Federica Sgorbissa (direttore responsabile)

La Voce del Master – redazione

Elisabetta Tola
Marco Malaspina

Grafica e web design

Stefano Dal Secco
Davide Ludovisi













Wikio

martedì 4 gennaio 2011

Classifica pagine Facebook sulle nanotecnologie

In questo post si vuole evidenziare alcune pagine di Facebook che si interessano di nanotecnologia, cercando di costruire una classifica in base al numero di iscritti alla pagina FB corrispondente.


  1. Nanotecnologia ( 1999 persone )
  2. nanotecnologia italia ( 1184 persone )
  3. Nanociencia & Nanotecnologia ( 267 persone)
  4. Amici delle nanotecnologie ( 261 persone)
  5. Bio-Nanotecnologia Avanzada ( 184 persone )
  6. Proyecto Portal educativo de Nanotecnologia ( 130 persone )
  7. ENERGIA SOLAR Y NANOTECNOLOGIA ( 106 persone )
  8. Clase Nanociencias y Nanotecnologia! ( 59 persone )
  9. Club De Nanotecnología RERD ( 50 persone )
  10. ing nanotecnologia ( 43 persone )





Wikio

lunedì 3 gennaio 2011

Contro spot sul nucleare

A cura del gruppo Media di Alternativa e del Forum nazionale dei movimenti antinucleari, il blog Dieci alla meno nove, per pari condizione, propone il seguente video:



Fonte video: You tube ( MegaChannelZero )



Wikio

Chi è il Forum Nucleare Italiano?

Qualche giorno fa il blog ha pubblicato un video del Forum Nucleare Italiano, oggi vediamo chi è questa associazione.

Il Forum Nucleare Italiano è un’associazione no-profit che vuole contribuire, come soggetto attivo, alla ripresa del dibattito pubblico sullo sviluppo dell’energia nucleare in Italia.

Il Forum vuole favorire una più ampia e approfondita conoscenza dell’opzione nucleare e delle sue implicazioni come condizione indispensabile di un confronto non pregiudiziale su questo tema.

Il Forum vuole quindi essere un centro di promozione e divulgazione dell’informazione tecnico-scientifica sul tema del nucleare, che sia la più ampia, chiara, trasparente e accessibile, diffondendo idee, riflessioni, saperi in maniera semplice e comprensibile per tutti e dando spazio ad argomentazioni diverse per stimolare uno schietto confronto.

L’Associazione ha come riferimento l’esperienza di analoghi Forum, nati in altri Paesi dove l’energia nucleare fa parte del mix energetico, quali il Belgio, la Svizzera, la Spagna, la Germania, la Slovacchia e gli Stati Uniti.

Fanno parte dell'associazione come soci onorari le seguenti Università:

Politecnico di Milano; Sapienza Università di Roma; Università degli Studi di Genova; Università degli Studi di Palermo; Università di Pisa.




Wikio

domenica 2 gennaio 2011

Superate le 200 visite dagli USA




Fonte immagine: http://profile.ak.fbcdn.net/hprofile-ak-snc4/hs463.snc4/50256_82442677571_3256_n.jpg



Negli ultimi quattro mesi sono più di 8000 le visite al blog da parte di utenti italiani, ma ben oltre 200 sono quelle provenienti da oltre oceano.
I contatti dagli USA sono provenienti per lo più dalle Università della California e dallo stato di New York.
In percentuale i contatti statunitensi rappresentano oltre il 2% dei contatti complessivi al blog " Dieci alla meno nove".
Importante per il raggiungimento di questo risultato divulgativo e la collaborazione, che continuerà anche nel 2011, con Business Wire, società Americana con sede a New York e San Francisco, che propone giornalmente su una pagina appositamente concordata con Dieci alla meno nove, news sulle nanotecnologie provenienti dal mercato finanziario degli Stati Uniti d'America.

Per saperne di più cliccare sul link seguente:

http://www.businesswire.com/portal/site/Dieci-alla-meno-nove/



Wikio

sabato 1 gennaio 2011

Uno spot che fa discutere




Fonte video: You tube ( forumnucleare )



Wikio

In attesa della classifica scienza di Wikio




Fonte immagine: http://im.wk.io/images/w/16cdf/dieci-alla-meno-nove.jpg





Anche in questi giorni di festa il blog di Dieci alla meno nove rimane attivo per permettere la pubblicazione della classifica top 20 scienza di Wikio, che sarà proposta fra qualche giorno.



Wikio